1. Dopo aver frequentato e superato la classe prima di un corso è possibile iscriversi alla classe seconda di un altro corso all’interno dello stesso istituto?

Si. Qualora nel corso di destinazione siano presenti nella classe prima discipline non esistenti nel corso di provenienza, l’alunno sarà riallineato in corso d’anno nelle suddette discipline, con il preciso scopo di metterlo in condizione di parità con i suoi nuovi compagni. Il riallineamento avverrà con modalità individuate dall’Istituto. Il passaggio potrà avvenire anche nei primi mesi di scuola, a condizione che vi siano posti disponibili nel corso richiesto.

 2. Qualora un alunno, dopo essere stato promosso in terza, volesse cambiare corso all’interno dello stesso Istituto, cosa deve fare?

Deve sostenere un esame integrativo prima dell’inizio dell’anno scolastico (non oltre i primi giorni di settembre) sulla/e disciplina/e presenti nel corso di destinazione, non previste nel corso che ha frequentato nei due anni precedenti.

In caso di esito negativo dell’esame integrativo, l’alunno può essere ammesso alla frequenza della classe seconda.

In alternativa può scegliere di continuare la frequenza del corso dove ha conseguito l’ammissione alla classe terza.

 3. Dopo aver frequentato e superato la classe prima è possibile cambiare scuola andando a frequentare un altro corso di studi senza dover ricominciare dalla classe prima?

Si, la nuova scuola provvederà a riallineare l’alunno nella/e materia/e non coincidenti tra i due corsi. Il riallineamento avverrà con modalità individuate dall’Istituto. Il passaggio potrà avvenire anche nei primi mesi dell’anno scolastico, ovviamente subordinato alla disponibilità di posti nella nuova scuola.

 4. Qualora un alunno, dopo essere stato promosso in terza, volesse cambiare scuola e iscriversi ad un corso diverso da quello frequentato nei primi due anni, cosa deve fare?

Deve sostenere un esame integrativo prima dell’inizio dell’anno scolastico (non oltre i primi giorni di settembre) sulla/e disciplina/e presenti nel corso di destinazione, non previste nel corso che ha frequentato nei due anni precedenti.

In caso di esito negativo dell’esame integrativo, l’alunno può essere ammesso alla frequenza della classe seconda.

In alternativa può scegliere di continuare la frequenza nella medesima scuola dove ha conseguito l’ammissione alla classe terza.